Fecondazione Assistita

PERCHE’ L’ABOLIZIONE DEL DIVIETO DI FECONDAZIONE ETEROLOGA E’ GIUSTA E CONDIVISIBILE

L’ABOLIZIONE DEL DIVIETO DI FECONDAZIONE ETEROLOGA E’ GIUSTA E CONDIVISIBILE PERCHE’ :

  • – permette a tutte le coppie infertili di essere curate nel loro paese, eliminando l’odioso ricorso all’esilio riproduttivo proprio per i pazienti piu’ bisognosi

– maschi azoospermici
– donne in menopausa precoce
– uomini e donne divenuti sterili dopo trattamenti farmacologici per gravi malattie (chemioterapici, antivirali, citostatici)
– pazienti con anni di trattamenti pma infruttuosi alle spalle ma ancora in eta’  potenzialmente rirpoduttiva

  • riduce, e non amplifica, l’aspetto di mercimonio di gameti ( maschili ma soprattutto femminili ), poiche’ obbliga alla riflessione sulla piu’ adeguata modalita’ di recupero e di utilizzo dei gameti stessi da parte dei soggetti donatori

– gratuita’ o meno della donazione
– garanzia di anonimato del donatore
– divieto di disconoscimento del nato, gia’ previsto dalla legge

  • restituisce equilibrio alla posizione dell’italia nell’ambito dei paesi europei per quanto riguarda gli standard di buona pratica clinica
  • sottolinea e rinforza l’aspetto della piu’ completa uguaglianza per tutti i nati: da concepimento naturale, da fecondazione omologa, da fecondazione eterologa. per la legge italiana la madre e’ colei che partorisce
  • stempera ed indebolisce il concetto di genitorialita’ genetica, rinforzando l’aspetto, da sempre presente nella nostra societa’ (adozione di minori abbandonati) della genitorialita’ della mente e del cuore
  • risulta fortemente innovativa poiche’ rinforza l’aspetto epigenetico della maternita’: nel corso della vita intrauterina il materiale genetico del donatore si assimila parzialmente, m a non impercettibilmente, alle caratteristiche della madre

Per tutte queste ragioni e nonostante tutte le difficolta’ che verranno incontrate nel costruire adeguati programmi di assistenza per le coppie che necessitano di fecondazione eterologa, la decisione della corte cosituzionale appare opportuna oltreche’ indiscutibilmente giusta.

Essa e’ infatti senza dubbio migliore del suo contrario, poiche’ l’unico effetto del divieto di fecondazione eterologa e’ stato quello di abbandonare a se stessi pazienti bisognosi di cure, che hanno dovuto essere assistiti “oltrefrontiera”